eta name="robots" content="all" /> Piccoli uomini crescono | culex | antonio bertinelli | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

il blog di Antonio Bertinelli su Il Cannocchiale
Piccoli uomini crescono
post pubblicato in diario, il 6 marzo 2010


Un vecchio amico, al servizio di una delle più delicate Istituzioni dello Stato, ci ha confidato lo sconforto che lo affligge per quello che i suoi occhi vedono accadere quotidianamente all’interno della stessa. Il nostro pensiero si è così spostato dai vertici della piramide alla base, dove sono giunte le deiezioni legislative ed i risultati pedagogici di un malgoverno protratto negli anni fino a tramutare la reticolarità sociale in una landa valorialmente desolata dove, prima o poi la pistola, prenderà il posto del Diritto. Anche l’istruzione pubblica, prima americanizzata nei contenuti e poi privata di risorse, infine resa incapace di fornire formazione o professionalizzazione, si avvia a diventare palestra di vita per abituare i giovani a cavarsela in sintonia con il contesto. Fumare spinelli in cortile e rubare quello che capita al compagno di classe o nell’armadio di qualche collaboratore scolastico è ormai consuetudine. Dopo che si è perpetrato il solito furto, magari nella borsa dell’insegnante, lo stesso non è autorizzato ad impedire l’uscita dall’aula degli alunni e a fare dei controlli per individuare chi ha rubato il cellulare, gli occhiali o un libro al vicino di banco. In tal modo si violerebbero i diritti del reo così come le intercettazioni telefoniche della Magistratura ledono i diritti di chi è dedito al malaffare, similmente a quei medici accusati di omicidio e lesioni che operavano nella clinica Santa Rita di Milano o a quel senatore recentemente dimessosi tra gli applausi di ammirazione dei suoi colleghi di partito. Dunque l’impunità è assicurata (spessissimo per regolamento o per legge) e si impara fin da piccoli che gli Italiani si dividono stabilmente in due categorie, i piglianculi ed i mettinculi. I secondi, il cui unico merito è appunto solo quello di prevaricare gli altri, hanno tutte le porte spalancate, non debbono mettere limiti alle proprie azioni e, con degli idonei trascorsi giudiziari, possono anche ambire ad un remunerativo seggio parlamentare. Negli Usa molti giovani apprendono i rudimenti del vivere nei ghetti della grandi città, In Italia è sufficiente ispirarsi ai trionfi di chi insulta i magistrati, di chi calpesta le leggi, di chi ride e fa affari sui terremoti all’ombra della Protezione Civile. Pene certe per chi delinque e lavoro coatto per chi costruisce ospedali di sabbia o cattedrali nel deserto a spese dell’erario potrebbero scoraggiare le nuove generazioni dall’imboccare la strada del crimine. Proprio quello che osteggia il Parlamento impegnato da molti anni a perfezionare l’apparato normativo al fine di assicurare una zona franca per se e per i suoi emissari. Non sappiamo se Monsignor Domenico Mogavero, abbia lanciato la sua reprimenda alla politica per ingenuità o per coraggio. Resta il fatto che, superando l’efficienza censoria del MinCulPop di mussoliniana memoria, è stato imbavagliato addirittura il fido Bruno Vespa per dare maggiore spazio e risonanza alle bubbole di regime di cui è maestro chi istruisce i lettori sul “pericoloso” tintinnio delle manette agitate dai cosiddetti “giustizialisti”, chi parla di gogna mediatica per i tanti “innocenti” perseguitati dai giudici, chi allestisce telegiornali fatti di nulla sotto svuoto spinto, chi si aggira sul Internet come hoaxer, per monitorare e tenere sotto controllo la disapprovazione o per “infettare” blogs e PC da cui escono pensieri scomodi. La modifica del decreto Romani ha lasciato un po’ di respiro ai bloggers, ma non si può ancora dormire tra due guanciali. Un già riconosciuto gentleman, aprendo la sua campagna elettorale, ha pensato bene di minacciare (goliardicamente) un cronista, uno di quelli che ha la pessima abitudine di non solidarizzare con la politica degli affari, a prescindere dallo stendardo sotto il quale essi vengono conclusi. E pure questo la dice lunga sulle pretese crescenti che la “casta” ha nei confronti di chi fa giornalismo. Anche il web non è poi così libero come potrebbe apparire. Più è grande la voglia di imperare sui popoli e maggiore è la possibilità di imbattersi in trabocchetti ed abusi di vario genere senza che gli “intercettati” possano godere di una qualche forma di garanzia. Google effettua il tracking delle nostre ricerche e delle nostre navigazioni, rappresenta un potente mezzo per la moltiplicazione del business che già sfrutta le potenzialità della rete. Mentre per lo stato in cui versano i media “Freedom House” ci considera come un Paese parzialmente libero e “Reporters Sans Frontières” ci retrocede al 49 posto della classifica (ai minimi europei), il nostro Governo sogna il controllo totale dell’informazione. Al momento si scontrano quindi due esigenze: il mercato mondiale che, alla pari dei mettinculi nostrani, non ama regole di sorta e la necessità di mettere il silenziatore a chi non ha la forma mentis dell’imbrattacarte a contratto. Un blog che, qualunque sia la chiave adottata per la ricerca, non si raggiunge solo attraverso il browser più diffuso, le stranezze che spesso si notano guardando il monitor che ci proietta nel mondo virtuale, le bizze che fa Word durante la scrittura di un documento, le eccessive aperture delle finestre di qualche firewall quando ci si trova nel cyberspazio sono una diretta conseguenza dell’odierna forma di controllo attuata in rete. Il web non può rappresentare l’unica soluzione per sottrarsi ad una dittatura e ai suoi squadristi, per fare informazione, per attingere notizie introvabili altrove, per bonificare l’ambiente che avvelena i corpi e le menti dei giovani. Non basta cristallizzarsi su una tastiera per insegnare ai nostri figli che rubare a scuola o al supermercato, corrompere e lasciarsi corrompere, insomma adeguarsi allo stile di vita dei furbi non riempie il vuoto interiore causato dall’esaltazione dell’utilitarismo di chi ha realizzato nel settore dell’istruzione il più grande licenziamento della storia, di chi rincorre l’onnipotenza vampirizzando lo Stato e accumulando denaro, di chi sta assottigliando fino all’inverosimile le tutele giuridiche dei lavoratori, di chi ha comprato e continua a comprare intere scuderie di puttane da sistemare ora in un letto, ora in una redazione, ora su uno scranno da cui possano poi legiferare a comando. L’invito al senso della misura del vescovo di Mazara del Vallo, come era prevedibile, è rimasto inascoltato. Durante la notte appena trascorsa si è superato ogni limite. Con tutta la solidarietà che ci sentiamo di esprimere ai simpatizzanti e ai militanti del Pdl, sono state forzate delle leggi che dovevano rimanere per il momento intoccabili, e a cui si sono precedentemente assoggettate tutte le altre formazioni politiche che avevano palesato irregolarità o ritardi nella presentazione delle liste elettorali. La gravità del gesto non sta tanto negli esiti del decreto notturno quanto nell’aver realizzato l’ennesimo stravolgimento delle norme vigenti, che dimostra ancora una volta di quale considerazione esse godano quando non sono funzionali ai bisogni del re. Meno male che Giorgio c’è.

Antonio Bertinelli 6/3/2010


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. magistratura leggi apparato normativo

permalink | inviato da culex il 6/3/2010 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
Sfoglia febbraio        aprile
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv