eta name="robots" content="all" /> eta name="robots" content="all" /> culex | antonio bertinelli | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

il blog di Antonio Bertinelli su Il Cannocchiale
Effetto Doppler
post pubblicato in diario, il 23 maggio 2011


Dominique Strauss-Kahn era un assiduo frequentatore delle riunioni di “Le Siècle”. Il think tank parigino, bazzicato da esponenti di spicco della sinistra e della destra, da direttori, editori e presentatori di successo, è solito ricevere mensilmente i giornalisti per dare loro le dritte necessarie a “massaggiare i messaggi”. Come testimone di nozze DSK ha avuto Elisabeth Badinter, ex spin doctor di alcune teorie femministe. Il direttore generale del Fmi sapeva come funziona l’informazione, sapeva che una vasta editoria “minore” ha affrontato il radicalismo ideologico del femminismo mettendone in risalto aberrazioni, luci ed ombre, sapeva che la Cia erogò fondi a Ms. Magazine per erodere il modello familiare tradizionale, sapeva che esiste una filiera “educativa” senza confini territoriali, sempre più potente, ramificata e coesa per promuovere una pianificazione sociale mondiale. Già nel 1993, presso l’Antioch College di Yellow Springs, in Ohio, baci e sesso tra studenti erano burocratizzati secondo precise disposizioni. La norma in tema recitava testualmente: “(…) il consenso verbale occorre per ciascun nuovo livello di contatto fisico o sessuale in ogni tipo di interazione, indipendentemente da chi è l'iniziatore del passo successivo. Chiedere: vuoi far l' amore con me, e ricevere un si iniziale non è sufficiente. La richiesta e il consenso debbono essere specifici per ogni atto (…)". Tra le “conquiste” del femminismo c’è lo scardinamento dei principi giudiziari per cui quando si parla di abuso sessuale cade la presunzione di non colpevolezza, s’inverte l’onere della prova e sono gli accusati che debbono dimostrare la loro innocenza. La denuncia di violenza, vera o falsa che sia, è un capo d’imputazione degradante capace di sterilizzare ogni replica, in grado d’inficiare ogni forma di difesa tanto che l'ambasciatrice Usa all’Onu, Susan Rice, ha provato ad accusare di sistematici stupri, senza fornire alcuna prova, le truppe lealiste di Gheddafi. Negli Usa, là dove manca il consenso esplicito e ripetuto in “corso d’opera”, c’è un’alta probabilità di ritrovarsi in manette. Nel 1975, in Sud Dakota, venne definito il reato di stupro maritale e nel 1993 questo crimine venne riconosciuto in tutti gli altri Stati. Un uomo brillante, un campione entusiasta del capitalismo globale, che come Ministro dell'Economia, delle Finanze e dell'Industria ha affidato le telecomunicazioni francesi, l'acciaio, l'aerospazio ed altre industrie strategiche ai capricci del turbocapitalismo internazionale, può essere così sprovveduto da violentare un’inserviente d’albergo mettendo a repentaglio la propria carriera e proprio là dove rischia fino a settanta anni di carcere? Paul Wolfowitz, presidente della Banca Mondiale, fu costretto a dimettersi dopo avere accordato un aumento di stipendio alla sua amante, dipendente dello stesso istituto. Per quanto si legge sulla vicenda di Strauss-Kahn, e soprattutto per il linciaggio mediatico abilmente orchestrato, ci sembra più credibile l’ipotesi di una trappola per espellerlo dal Fmi che quella di un raptus di libidine senile. Ci sono da gestire gli enormi debiti pubblici di alcuni Stati europei che per allontanare nel tempo l’inevitabile default dovrebbero svendere tante altre risorse e beni pubblici. C’è la gigantesca massa di dollari stampati senza freni dalla Fed il cui valore non è più garantito da un corrispettivo in oro. Strauss-Kahn stava rivedendo le sue idee sul liberismo selvaggio, stava cercando di moderare gli ingressi nei vari paesi di capitale straniero, di evitare le bolle speculative, di regolare il settore finanziario, di limitare le privatizzazioni, di ripotenziare il ruolo dello Stato nell’economia, di contrastare recessioni e disoccupazione. Negli ultimi tempi auspicava una più equa redistribuzione della ricchezza ricusando implicitamente i diritti di predazione delle maggiori imprese private, sottolineava la necessità di abbandonare il dollaro quale unica moneta impiegata per gli scambi internazionali, pezzi di carta dati in pagamento di beni tangibili e che riempiono i caveau di tutto il Pianeta, segnatamente quelli cinesi. In sintesi stava diventando disfunzionale ai sistemi consuetudinariamente adottati dal Fmi e all’attuale politica della Fed. Che sia o meno colpevole di stupro, è solo un dettaglio irrilevante. E’ stato messo da parte e silenziato, nel prossimo futuro dovrà vedersela con i tribunali. La storia del personaggio, finito nella polvere come tanti altri che prima di lui hanno tentato di affrancarsi dalle direttive contingenti dell’Impero anglo-americano fornisce la misura delle difficoltà con cui si stanno confrontando vari popoli travolti dal saccheggio della mondializzazione in atto e per cui le possibilità d’intervento delle politiche nazionali di fronte ad organismi come Bis, Bce, Fed, Bm, Fmi, Wto, etc. risultano pressoché nulle. In Europa la precarietà, la crisi economica, la corruzione, la collusione tra politica e banche stanno facendo espandere la protesta delle masse. In Spagna come altrove i cittadini non sono distolti dal desiderio di liberarsi da un autocrate e dai suoi sodali. Dal 15 maggio gli Spagnoli sono scesi nelle piazze di 27 città consapevoli che gli Stati sono stati privati della sovranità monetaria ed economica, che parlamenti e governi sono costituiti da uomini di paglia al servizio del neoliberismo. Democrazia vera, uguaglianza, rispetto, diritti del lavoro e banche statalizzate sone le richieste più pressanti dei giovani disoccupati ormai in subbuglio. Sono consapevoli che la sconfitta elettorale odierna del Psoe non sarà sufficiente ad arginare il declino della Spagna, come altrove le solite e preventivate alternanze politiche non saranno in grado di salvare l’Europa dalla ferocia del futuro disegnato oltreoceano.

Antonio Bertinelli 23/5/2011

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bce fmi strauss-kahn fed wto bis bm

permalink | inviato da culex il 23/5/2011 alle 15:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
Aria di casa nostra
post pubblicato in diario, il 5 marzo 2011


Ad eccezione di Karl Marx, i maggiori filosofi occidentali concordano sul fatto che l'unica sfera di convivenza razionale per gli uomini sia rappresentata dallo Stato. Quello sociale chiama in causa tutti i soggetti che lo costituiscono per sollecitarne la partecipazione ed opera al fine di una più equa distribuzione dei redditi. Per qualche tempo una verniciatina di socialismo ha consentito di credere ad un organismo dispensatore di equità in uno spirito di rettitudine, di collettivismo e di sensibilità al bisogno. Quando la concezione proprietaria delle istituzioni ha ripreso il sopravvento, rinunciando persino a salvare la forma, i cittadini hanno potuto constatare come tutti i loro diritti fossero diligentemente contingentati, incluse quelle libertà democratiche di cui sono intrise le moderne Costituzioni, a partire da quella americana. Balza agli occhi la concezione proprietaria del primo ministro, ma non è irrilevante quella che vede esponenti del Pd, come Franca Chiaromonte, Silvio Sircana, Enrico Morando, riproporre l’immunità parlamentare per bloccare i processi di tutti gli “onorevoli”, a prescindere dal tipo di reato commesso. Piaccia o non piaccia, è sempre più difficile incontrare soggetti che, inseriti a qualunque titolo nell'amministrazione della cosa pubblica, dal deputato al consigliere comunale, dal direttore generale al funzionario, non trasformino le loro stanze in centri di potere personale abusando della carica ricoperta. C’è la possibilità di appaltare lavori pubblici in gran segreto, la possibilità di vendere ed acquistare patrimoni pubblici al 15/20% del loro valore di mercato, svincolare beni pregevoli dal controllo di comitati scientifici per poi farli alienare, impedire all’Agenzia delle Entrate di costituirsi parte civile contro i grandi evasori fiscali, la possibilità di avvalersi di scatole cinesi societarie per vampirizzare le maestranze e poi fuggire con la cassa. L’impunità per chi sottoscrive qualunque patto scellerato a danno della comunità ha il marchio di garanzia del sistema Paese. Quando non incoraggia l’apparato normativo aiutano a delinquere i tempi lunghi della Giustizia e le molteplici disfunzioni dell’attività giurisdizionale prodotte dal legislatore. L’omertà e la quasi certezza di non essere perseguiti incoraggiano chi blocca il pagamento delle fatture dei fornitori, chi ostacola per anni l’erogazione del trattamento pensionistico dovuto, chi impedisce il pagamento regolare di stipendi e salari, il primario ospedaliero che dimette un paziente prima della guarigione, il magistrato embedded, il commissario d’esame corrotto, i protagonisti di parentopoli e affittopoli, insomma tutta la masnada di piccoli furfanti che nascondendosi dietro il paravento della P.A. si sentono autorizzati a disporne come se fosse cosa propria. Secondo la chiave di lettura marxiana lo Stato non è in grado di mediare le contraddizioni sociali ma ne è il prodotto. Le idee di Marx, date per sepolte sotto il crollo del socialismo reale, appaiono oggi più attuali di quanto lo fossero nel XIX secolo. Mentre le uova del drago andavano schiudendosi sotto il mandarinato della politica “progressista” e il Direttore Generale del Tesoro procedeva alacremente alla vendita dei gioielli di Stato, il berlusconismo, trovando terreno fertile, metteva solide radici fino a distruggere ogni possibilità di perseguire futuri diversi da quelli imposti in nome dei grandi affari e del mercato globale. Lo Stato ha perduto il controllo sul settore bancario e assicurativo, su quelli dell’energia, delle telecomunicazioni, della siderurgia, dell’editoria e dei prodotti alimentari. Tra un “baciamo le mani a vossia” ed una compera di “responsabili” il premier continua a prendere a calci la Carta. La commistione tra diritto pubblico e diritto privato ci sta riportando al feudalesimo, l'accentramento dei poteri senza controllo sta virando nell’assolutismo, la ferocia del capitale sta soppiantando i fini generali degli apparati statali e sta riportando indietro l’orologio della storia. La specificità italiana rende anche più difficile la ricerca di una soluzione per contenere tutti quei danni che derivano dal programma di saccheggio dell’orbe terracqueo messo in atto dai maggiori banchieri e dalle multinazionali. Le trasformazioni in Spa, le esternalizzazioni e le privatizzazioni di enti statali hanno portato inefficienza, truffe, sperpero di soldi pubblici, minore occupazione, sfruttamento del lavoro e licenziamenti. Il neoliberismo ha portato acqua ai mulini dei padroni italiani, del capitale monopolistico e della grande finanza. La stampa entusiasta ci partecipa che il 2011 sarà l’anno d’oro delle privatizzazioni in Turchia. Ma vorremmo sapere per chi. In qualunque paese finito nell’orbita della cultura economica occidentale, dall’Ucraina alla Slovacchia, dalla Russia al Rwanda, dal Wisconsin ai villaggi africani, dove si scippano “brevetti” per le produzioni agricole, le parole d’ordine sono sempre le stesse: demolire gli Stati, privatizzare, indebolire la forza contrattuale degli operai e smantellare il welfare. Il potere politico, più o meno subordinato alla visione di quel glorioso e disinteressato progetto di dare al Pianeta il controllo unico degli istituti del capitalismo globale e finanziarizzato come la Bm, il Fmi ed il Wto, è sempre meno credibile. Il decreto istitutivo della Difesa Servizi Spa consente di gestire riservatamente le commesse militari, secretare le spese e la natura degli acquisti, ma non prevede di nascondere i nominativi dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale. Va da se che il verbo delle privatizzazioni sia risuonato di pari passo con le dinamiche imperiali del drago anglo-americano, ma i saltimbanchi della politica italiana, il governo del fare, la P2, la P3, la P4 e così via fraternizzando, quando si tratta di business, non hanno bisogno di suggeritori. Non può essere una coincidenza che dalla caduta del Muro di Berlino si oda quotidianamente il canto funebre a Marx. Non è per passione aneddotica che, da quando calca il proscenio parlamentare, Silvio Berlusconi ammorba il Paese con il suo Maccartismo da operetta.

Antonio Bertinelli 5/3/2011
Sfoglia aprile        giugno
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv