eta name="robots" content="all" /> eta name="robots" content="all" /> culex | antonio bertinelli | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

il blog di Antonio Bertinelli su Il Cannocchiale
Hic sunt piratae
post pubblicato in diario, il 17 settembre 2011


Agostino d’Ippona ci racconta di un razziatore dei mari catturato e portato al cospetto di Alessandro Magno che gli chiese perché conducesse quel genere di vita. L’interrogato rispose: “Faccio esattamente le stesse cose che fai tu. Solo che io possiedo una piccola nave e sono chiamato pirata, tu possiedi una grande flotta e sei chiamato imperatore”. La nascita del Diritto moderno si fa risalire al Corpus Juris Iustiniani (529-534), parecchi secoli dopo la morte del re macedone. Ma nonostante la scomparsa delle monarchie assolute, malgrado una produzione alluvionale di leggi “democratiche”, l’evoluzione del diritto positivo, fatte poche eccezioni circoscritte territorialmente e nel tempo, non impedisce che oggi Abdelhakim Belhaj possa accomunarsi a Nicolas Sarkozy, che Andy Coulson faccia il paio con David Cameron, che David Petreaus possa essere messo a capo della Cia da Barak Obama, che Gianpaolo Tarantini e Valter Lavitola siano foraggiati da Silvio Berlusconi. L’esercizio del potere bypassa le categorie giuridiche tradizionali e questo rende labili i confini tra lecito ed illecito. C’è un contratto sociale da ridefinire, ci sono delle sovranità da ripristinare e manca un’autorità democratica super partes in grado di riscrivere i diritti dei governati nell’era della globalizzazione. Grazie ai media mainstream, controllati da banche, multinazionali, da una pletora di grandi imprese, la gente conosce le gesta dei pirati somali o l’esistenza dei cosiddetti “Paesi Canaglia”, può conoscere le malefatte di questo o di quel politico, ma il grande crimine organizzato, quello che agisce dietro e dentro gli Stati, resta nell’ombra. L’informazione è così strutturata che gli argomenti di oggi sono sostanzialmente analoghi a quelli di ieri, così come lo saranno a quelli di domani. Una volta il potere era manifesto e dichiarato. Con l’avvento delle democrazie si è reso invisibile, si nasconde dietro prestanomi, politici, amministratori pubblici, organizzazioni, enti, fondazioni, elezioni democratiche, volontà popolare, comunità internazionale, etc. Opera come uno stuolo di zecche durante l’estate artica. I parassiti ammassati sull’erba alta attendono il passaggio delle alci per attaccarvisi stabilmente e poi succhiarne il sangue. Molti esemplari finiscono per vagare come fantasmi pallidi e malfermi fino a stramazzare a terra letteralmente dissanguati. Il neocapitalismo finanziario, uscito vincitore dal confronto con il modello socialista sovietico, ha portato scientemente al caos globale: dai disastri ambientali alle enclavi di manodopera schiavizzata, dal disordine monetario all’esplosione dei debiti pubblici, dalla crescita esponenziale della disoccupazione a sempre nuove povertà, dall’incertezza economica all’insicurezza sociale e politica, dalla corruzione dilagante alla perpetuazione strategica dell’instabilità, dal crollo delle sovranità nazionali ai colpi di Stato e alle invasioni coloniali, dalla libera circolazione dei capitali alla guerra permanente come unico elemento di governance mondiale. I bombardamenti umanitari si moltiplicano. I nord-americani sono schiacciati dalle ossessioni securitarie e, mentre aspettano di essere chippati, stringono sempre di più la cinghia. L’Europa è in pieno subbuglio, le banche, le borse valori, le società di rating e gli operatori finanziari stanno strangolando l’economia reale. Ci sono attualmente ventitre milioni di europei senza lavoro e, secondo diverse stime, la disoccupazione continuerà ad aumentare. L’8% della popolazione continentale ha un lavoro che non gli permette di uscire dalla soglia di povertà e ottanta milioni di persone vivono al margine della sussistenza. Da quello che appare ultimamente su certa stampa estera, sembra che Wall Street e la City londinese puntino all’indebolimento dell’euro e sul crollo dell’Italia. Il cavallo di Troia inglese all’interno dell’Ue è per l’Italia meno salutare di quanto lo sia stato il suo ingresso nell’euro. La disinvoltura del premier nel condurre affari all’estero ha sicuramente infastidito gli Usa, la Francia e la Gran Bretagna. Esiste un problema Berlusconi che ha sfruttato qualunque debolezza e qualunque punto di forza nazionale, è grande e multiforme, e non siamo noi a disconoscerlo, ma di qui a pensare che esista per il Paese un’alternativa salvifica ce ne corre. E’ possibile ipotizzare che un avvicendamento al governo possa ripartire con maggiore equità i sacrifici necessari a pagare almeno una parte del debito pubblico e riesca ad allungare l’agonia degli Italiani privatizzando tutto quello che è rimasto da privatizzare, magari con i buoni uffici di Mario Draghi. Per sottrarsi ai tentacoli dell’Impero ci vuole altro, ed il trattamento riservato ai Libici, democratizzati da un esercito di mercenari e dalle bombe della Nato, sta lì a dimostrarlo. Per i futuribili governanti potrebbero essere costruiti ponti d’oro, ma per il Popolo il problema rimarrebbe sempre quello di dover subire un disegno superiore ed intoccabile che va in direzione opposta a quello di un comune interesse nazionale. Agli atlantisti è bastato inneggiare al mancato rispetto dei diritti umani per normalizzare la Libia, mettere le mani sulle sue risorse e, con la sua occupazione, porre fine alle velleità di un’Unione Africana svincolata dal Fmi e dal dollaro. Chi parte dalle coste del Maghreb e arriva in Italia commette il reato di clandestinità e viene incarcerato nei Cie. Secondo la narrazione dei media occidentali Mu’ammar Gheddafi è un criminale. Invece i liberatori della Libia, gli stessi che hanno una mole di stock options sul Bel Paese, hanno batterie di missili tomahawk, flotte di aerei, di elicotteri e di droni. Chi governa oggi, o lo farà domani, sa perfettamente come dovrebbe muoversi nell’interesse dell’Italia. Persino i Sacconi ed i Brunetta, con tutto il loro mai sopito spirito di rivalsa, sanno che l’economia interna peggiorerà anche grazie alle ricette fornite loro da Sergio Marchionne e da Confindustria. Non c’è da scomodare accademici e premi Nobel per capire che con un debito pubblico al 120% del Pil, ad un passo dalla recessione, senza sovranità monetaria, subendo le tappe forzate della marcia imperiale e con questo modello d’Europa, arrivare al crack è solo questione di tempo.

Antonio Bertinelli 17/9/2011 
La classe operaia non va in paradiso
post pubblicato in diario, il 5 gennaio 2011


Il pesce pilota appartiene alla famiglia dei carangidi e spesso nuota al fianco degli squali. In passato si credeva che avesse il compito di guidarli nei loro percorsi. Oggi si ritiene che il suo comportamento sia un caso di commensalismo, una particolare associazione simbiontica che consiste nell'utilizzazione comune delle stesse prede. Il naucrates ductor della realtà industrial-finanziaria italiana sembra essere diventato l’uomo dell'anno 2010. Sergio Marchionne, come tale elogiato dal “Il Sole 24 Ore”, sostenuto dal coro quasi unanime dei politici e dei sindacalisti “gialli”, è quanto mai determinato ad imporre il suo gioco. Legati a doppio filo per affinità e finalità, spartendosi potere, favori, colpe e perfidie, non è difficile capire le ragioni di un simile sodalizio fra soggetti solo nominalmente eterogenei. Quando si spezza la relazione tra la funzione economica e la funzione sociale, quando si rompe l’equilibrio tra il capitale e la forza lavoro, quando si calpestano i valori ispirati al bene comune, ci sono ancora mille e un modo per fare impresa, tutti più o meno adatti per massimizzare esclusivamente i profitti dei furbi. Basta andare con il pensiero all’"omicidio industriale" della Olivetti, la cui fine non può essere spiegata facendo riferimento, sic et simpliciter, alla vorticosa competizione internazionale. Qualche mese dopo l’insediamento di Carlo De Benedetti tutti i dipendenti furono messi, e per la prima volta, in cassa integrazione. Allo scadere della medesima, avvalendosi di contributi statali, la produzione fu spostata al Sud, dove si consumò un crollo aziendale unico per rapidità e violenza. Quel vulnus brucia ancora negli ambienti dove si continua a perorare la dovuta responsabilità sociale dell’impresa. Factum infectum fieri non potest ed oggi le pratiche manageriali sono ormai plasmati su imperativi lontani dal senso della comunità che guidava Adriano Olivetti, icona del "capitalismo dal volto umano". E’ naturale che Sergio Marchionne, director della Philip Morris ed amministratore delegato della Fiat, dopo le ola delle tute blù di Detroit, venga osannato dagli annuitori nazionali di stretta osservanza globalista, da sinistra a destra, da D’Alema a Sacconi, da Fassino a Bonanni, da Chiamparino ai falchi di Confindustria. In Germania il manager Fiat, interessato ad allearsi con l’Opel, si è poi fermato davanti ad alcune richieste: capitale proprio, liquidità, mantenimento delle fabbriche e dei posti di lavoro nel Paese, sostegno agli sviluppi tecnologici. In questa sede il suo disegno di costituire una casa automobilistica globale con i soldi dei contribuenti, tagliando novemila posti di lavoro, non ha trovato sostenitori. In Italia può permettersi di dettare legge. La filosofia del “più è grande e meglio è'' ha già fallito in passato con General Motors e con DaimlerChrysler, sta fallendo con Toyota. Ovviamente tutto questo a Marchionne non può interessare di meno. Per adesso ha fatto breccia oltreoceano ed ha trovato numerosi corifei nel Belpaese, ma va ribadito, grazie alla stessa ammissione dell’a.d., che il costo del lavoro incide solo per il 7/8 % su quelli totali. E’ altrettanto pretestuoso invocare la bassa produttività degli stabilimenti italiani, che non può essere imputata agli operai “fannulloni”, ma dipende soprattutto dal crollo delle vendite, dai tipi di auto in produzione, dall’obsolescenza tecnologica, dalla saturazione degli impianti e dal carico fiscale. Se la globalizzazione ha reso il mondo piatto e dunque gli Italiani non possono pretendere trattamenti speciali va anche spiegato il perché. Le classi economicamente dominanti, quelle stesse che hanno imposto la mondializzazione e causato la crisi, intendono avvalersi della stessa per peggiorare le condizioni di vita, di studio, di lavoro di tutti i settori più deboli delle società occidentali. I nuovi assunti nell’industria automobilistica statunitense vengono pagati quattordici dollari l’ora, dai quali vanno tolte le tasse ed una quota mensile per l'assicurazione sanitaria, che copre solo metà delle spese mediche oltre i tremilacinquecento dollari. Non hanno diritto ad alcuna pensione d'anzianità, ma solo a trattamenti basati sui versamenti individuali, con esigui contributi aziendali. Hanno il divieto di scioperare fino al 2015 e sono stati costretti a rinunciare agli aumenti di contingenza. I buoni sentimenti che infarciscono i discorsi della claque filomarchionnista, simili a quelli di Pietro Ichino, senatore del Pd, sono molto meno facili da trovare in fabbrica. Secondo l’Onu, labour is not a commodity eppure accade che il modulo Marchionne, quello che pretende in quel di Mirafiori il 51% dei consensi per restare a produrre in Italia, si presenti sostanzialmente come un ricatto senza possibilità di mediazioni. I padroni si fanno sempre più padroni ed i servi debbono farsi addirittura schiavi. L’unico baluardo rimasto a difendere il vacillante sistema industriale italiano, in ultimo dal colpo di coda del pesce pilota “Born in the Usa”, è quello della Fiom. Quando Giulio Tremonti asserisce che “L'ideale è avere tanto la fabbrica perfetta quanto i diritti perfetti. Il reale è un po' diverso. Ed è reale il rischio che si conservino i diritti, ma si perda la fabbrica, emigrata altrove”, ci sembra ancor più necessario che le rivendicazioni studentesche si saldino con quelle operaie, che l'Ue degli oligarchi inizi a riconoscere e a correggere i suoi insopportabili limiti.

Antonio Bertinelli 5/1/2011

Sfoglia agosto        ottobre
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv