eta name="robots" content="all" /> eta name="robots" content="all" /> culex | antonio bertinelli | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

il blog di Antonio Bertinelli su Il Cannocchiale
Levámmoce 'sta maschera, dicimmo 'a veritá
post pubblicato in diario, il 25 settembre 2011


L’andamento di tutte le comunità primitive è stato garantito da un insieme di regole, dall’assistenza reciproca, dalla condivisione degli obiettivi, dal lavoro inteso come impegno comune, da un saggio sfruttamento del territorio e delle risorse, da un bagaglio di competenze, da un’economia inserita nei rapporti interpersonali e da una complessiva organicità sociale. Se assumiamo tali parametri come indicatori minimi per il buon funzionamento di qualunque collettività, dire che l’Italia è sulla via del declino sembra un eufemismo. Con l’indefesso impegno del legislatore viviamo in un contesto anomico e, in tale situazione, le persone non hanno più né sistemi di appoggio né punti di riferimento. La trionfante ascesa dei furbi confligge con i desideri e gli obiettivi dell’intera comunità. Il lavoro, per chi ha l’opportunità di lavorare, è spesso privo di senso e comunque raramente coincide con gli interessi generali. Dai più è considerato un mezzo per sopravvivere, da pochi altri un mezzo per fare soldi. L’amministrazione del territorio e delle sue risorse si concretizza nelle discariche tossiche esistenti sull’intera penisola, nella realizzazione del Tav in Val di Susa, nelle trivellazioni petrolifere sui fondali del mare Adriatico e in prossimità della Sicilia. Una volta le competenze si acquisivano al fianco dei padri sui campi, nelle botteghe artigiane, nelle scuole e nelle università. Oggi l’istruzione, dopo essere stata più volte riformata, non sempre garantisce un’adeguata preparazione. Capita quindi sempre più spesso d’imbattersi nel medico incapace di effettuare una rianimazione cardio-polmonare o nel chirurgo titubante davanti alle difficoltà di un’appendicectomia. L’approssimazione e l’ignoranza non conosce confini, attraversa tutti i mestieri e tutte le professioni. C’è l’impiantista che sbaglia il progetto e sottodimensiona la linea elettrica, c’è l’ingegnere che si confonde nel valutare il carico di rottura, c’è il perito che perizia con i piedi, c’è il giudice impreparato e quello fazioso. La maggior parte dei rapporti sociali sono inseriti nel sistema economico, che tutto subordina alle proprie esigenze come se desse per scontato che la totalità degli esseri umani sia interessata a raggiungere il massimo del guadagno monetario. Rieducati dalla civiltà “superiore”, l’unica organicità che possiamo rivendicare è quella che schiaccia ogni aspetto della nostra vita sul modello di sviluppo neoliberista. La produzione scientifica italiana ha smesso di crescere e da segnali di arretramento. Nella generale decadenza, malgrado i numerosi talenti nazionali, è difficile consolarsi con la recente scoperta sulla velocità dei neutrini. In sintesi sembrano mancare i presupposti indispensabili per guardare alla semplice somma dei residenti in Italia come ad una società proiettata stabilmente nel futuro. Il dibattito sulla qualità della vita è antico. Se ne sono occupati anche Aristotele e Platone. Attualmente per misurare ciò che in greco veniva definito eudaimonia, sono utilizzati diversi rilevatori politici, economici e sociali. Per quanto il popolo sia da molto tempo educato a vivere nella confusione, a cullarsi nella mediocrità, ad essere volgare ed incolto, se mai venissero adottati rilevatori adeguatamente selezionati, si potrebbe fotografare un’Italia particolarmente infelice. Gli interessi dell’ipercapitalismo non coincidono con quelli di una società civile e lo Stato deve piegarsi alle sue parole d’ordine: deregolamentazione, flessibilità, mobilità, defiscalizzazione, desindacalizzazione, privatizzazioni, etc. Nel quadro di un’economia mondializzata diretta da banche e multinazionali le pretese dell’élite globalista non trovano argine, il capitale vive di vita propria e diventa un rullo compressore che schiaccia ogni anelito di libertà. Emma Marcegaglia ha sfiduciato il governo Berlusconi. Vorremmo ricordare che quelli preoccupati per la stagnazione e per l’entità del debito pubblico, a cui forse oggi strizza l’occhio, nel volgere di un decennio, hanno svenduto un pezzo così considerevole d’Italia da intaccare il suo Pil per un buon 35%. Purtroppo il governo che verrà nasce da un contesto nazionale degradato e si inserisce in una realtà globale per niente incoraggiante. Finte opposizioni e sindacati gialli sono fattivamente in linea con banche e grandi prenditori, non smettono di ribadire che è finito il tempo delle vacche grasse. Ammesso e non concesso che la classe operaia sia andata per alcuni anni in paradiso, le vacche grasse hanno sempre pascolato e continuano a pascolare in terreni ad essa inaccessibili. Se il governo in carica ha peggiorato il Paese oltre ogni previsione, il dramma più grande è che dopo la sua caduta un grande numero di problemi sul tappeto rimarrà senza effettive soluzioni. Premesso che le agenzie di rating sono tutt’altro che neutre nei loro giudizi, la schiavitù del debito pubblico è un arnese vecchio, già sperimentato per rapinare altri Stati nel corso del XX secolo. Oggi la cessione della sovranità monetaria la stanno pagando alcuni cittadini europei, inclusi gli Italiani. Domani le vittime dell’orgia neoliberista saranno i Francesi ed in ultimo anche i virtuosi Tedeschi. Ancor prima che venissero perfezionate le tecniche di saccheggio globalista il sogno americano si stava già tramutando in un incubo. Per evitare il cataclisma mondiale, che sembra stagliarsi su qualsiasi orizzonte, ci vorrebbero dei politici che non ci sono. In alternativa ci vorrebbe che la possente macchina da guerra impiegata nella ex Jugoslavia, in Afghanistan, in Iraq ed in Libia si rivolti contro i suoi padroni. Rivoluzioni colorate ed insurrezioni sono già state messe in conto.

Antonio Bertinelli 25/9/2011      


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi debito pubblico marcegaglia

permalink | inviato da culex il 25/9/2011 alle 0:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
Hic sunt piratae
post pubblicato in diario, il 17 settembre 2011


Agostino d’Ippona ci racconta di un razziatore dei mari catturato e portato al cospetto di Alessandro Magno che gli chiese perché conducesse quel genere di vita. L’interrogato rispose: “Faccio esattamente le stesse cose che fai tu. Solo che io possiedo una piccola nave e sono chiamato pirata, tu possiedi una grande flotta e sei chiamato imperatore”. La nascita del Diritto moderno si fa risalire al Corpus Juris Iustiniani (529-534), parecchi secoli dopo la morte del re macedone. Ma nonostante la scomparsa delle monarchie assolute, malgrado una produzione alluvionale di leggi “democratiche”, l’evoluzione del diritto positivo, fatte poche eccezioni circoscritte territorialmente e nel tempo, non impedisce che oggi Abdelhakim Belhaj possa accomunarsi a Nicolas Sarkozy, che Andy Coulson faccia il paio con David Cameron, che David Petreaus possa essere messo a capo della Cia da Barak Obama, che Gianpaolo Tarantini e Valter Lavitola siano foraggiati da Silvio Berlusconi. L’esercizio del potere bypassa le categorie giuridiche tradizionali e questo rende labili i confini tra lecito ed illecito. C’è un contratto sociale da ridefinire, ci sono delle sovranità da ripristinare e manca un’autorità democratica super partes in grado di riscrivere i diritti dei governati nell’era della globalizzazione. Grazie ai media mainstream, controllati da banche, multinazionali, da una pletora di grandi imprese, la gente conosce le gesta dei pirati somali o l’esistenza dei cosiddetti “Paesi Canaglia”, può conoscere le malefatte di questo o di quel politico, ma il grande crimine organizzato, quello che agisce dietro e dentro gli Stati, resta nell’ombra. L’informazione è così strutturata che gli argomenti di oggi sono sostanzialmente analoghi a quelli di ieri, così come lo saranno a quelli di domani. Una volta il potere era manifesto e dichiarato. Con l’avvento delle democrazie si è reso invisibile, si nasconde dietro prestanomi, politici, amministratori pubblici, organizzazioni, enti, fondazioni, elezioni democratiche, volontà popolare, comunità internazionale, etc. Opera come uno stuolo di zecche durante l’estate artica. I parassiti ammassati sull’erba alta attendono il passaggio delle alci per attaccarvisi stabilmente e poi succhiarne il sangue. Molti esemplari finiscono per vagare come fantasmi pallidi e malfermi fino a stramazzare a terra letteralmente dissanguati. Il neocapitalismo finanziario, uscito vincitore dal confronto con il modello socialista sovietico, ha portato scientemente al caos globale: dai disastri ambientali alle enclavi di manodopera schiavizzata, dal disordine monetario all’esplosione dei debiti pubblici, dalla crescita esponenziale della disoccupazione a sempre nuove povertà, dall’incertezza economica all’insicurezza sociale e politica, dalla corruzione dilagante alla perpetuazione strategica dell’instabilità, dal crollo delle sovranità nazionali ai colpi di Stato e alle invasioni coloniali, dalla libera circolazione dei capitali alla guerra permanente come unico elemento di governance mondiale. I bombardamenti umanitari si moltiplicano. I nord-americani sono schiacciati dalle ossessioni securitarie e, mentre aspettano di essere chippati, stringono sempre di più la cinghia. L’Europa è in pieno subbuglio, le banche, le borse valori, le società di rating e gli operatori finanziari stanno strangolando l’economia reale. Ci sono attualmente ventitre milioni di europei senza lavoro e, secondo diverse stime, la disoccupazione continuerà ad aumentare. L’8% della popolazione continentale ha un lavoro che non gli permette di uscire dalla soglia di povertà e ottanta milioni di persone vivono al margine della sussistenza. Da quello che appare ultimamente su certa stampa estera, sembra che Wall Street e la City londinese puntino all’indebolimento dell’euro e sul crollo dell’Italia. Il cavallo di Troia inglese all’interno dell’Ue è per l’Italia meno salutare di quanto lo sia stato il suo ingresso nell’euro. La disinvoltura del premier nel condurre affari all’estero ha sicuramente infastidito gli Usa, la Francia e la Gran Bretagna. Esiste un problema Berlusconi che ha sfruttato qualunque debolezza e qualunque punto di forza nazionale, è grande e multiforme, e non siamo noi a disconoscerlo, ma di qui a pensare che esista per il Paese un’alternativa salvifica ce ne corre. E’ possibile ipotizzare che un avvicendamento al governo possa ripartire con maggiore equità i sacrifici necessari a pagare almeno una parte del debito pubblico e riesca ad allungare l’agonia degli Italiani privatizzando tutto quello che è rimasto da privatizzare, magari con i buoni uffici di Mario Draghi. Per sottrarsi ai tentacoli dell’Impero ci vuole altro, ed il trattamento riservato ai Libici, democratizzati da un esercito di mercenari e dalle bombe della Nato, sta lì a dimostrarlo. Per i futuribili governanti potrebbero essere costruiti ponti d’oro, ma per il Popolo il problema rimarrebbe sempre quello di dover subire un disegno superiore ed intoccabile che va in direzione opposta a quello di un comune interesse nazionale. Agli atlantisti è bastato inneggiare al mancato rispetto dei diritti umani per normalizzare la Libia, mettere le mani sulle sue risorse e, con la sua occupazione, porre fine alle velleità di un’Unione Africana svincolata dal Fmi e dal dollaro. Chi parte dalle coste del Maghreb e arriva in Italia commette il reato di clandestinità e viene incarcerato nei Cie. Secondo la narrazione dei media occidentali Mu’ammar Gheddafi è un criminale. Invece i liberatori della Libia, gli stessi che hanno una mole di stock options sul Bel Paese, hanno batterie di missili tomahawk, flotte di aerei, di elicotteri e di droni. Chi governa oggi, o lo farà domani, sa perfettamente come dovrebbe muoversi nell’interesse dell’Italia. Persino i Sacconi ed i Brunetta, con tutto il loro mai sopito spirito di rivalsa, sanno che l’economia interna peggiorerà anche grazie alle ricette fornite loro da Sergio Marchionne e da Confindustria. Non c’è da scomodare accademici e premi Nobel per capire che con un debito pubblico al 120% del Pil, ad un passo dalla recessione, senza sovranità monetaria, subendo le tappe forzate della marcia imperiale e con questo modello d’Europa, arrivare al crack è solo questione di tempo.

Antonio Bertinelli 17/9/2011 
Bombe ed oclocrazia
post pubblicato in diario, il 6 settembre 2011


Dalla disgregazione dell'Urss ad oggi i poveri occidentali sono diventati più poveri, le classi medie sono scese di qualche gradino ed i ricchi sono diventati ancora più ricchi. La rimodulazione dell'Impero anglo-americano e le mascherate umanitarie di diversi paesi europei, Italia inclusa, hanno visto il susseguirsi di così tanti avvenimenti bellici da far rimpiangere l'epoca della guerra fredda. Il capitalismo apolide ha evidenziato come il suo girovagare non possa prescindere dal peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei popoli, ha evidenziato come, là dove non esistono le condizioni politiche per impadronirsi di territori, risorse, banche e mercati, siano da prescrivere missioni simili a “Odyssey Dawn”. Gli interventi ammantati di democrazia o giustificati dalla lotta al terrorismo hanno portato tutti i paesi finiti sotto il tiro di Usa, Ue ed Israele in condizioni infinitamente peggiori rispetto a quelle di cui godevano nel periodo antecedente alle operazioni militari. In Serbia, dopo l'insediamento del governo collaborazionista voluto dai filantropi al seguito della Nato, venne immediatamente costituita un’agenzia per le privatizzazioni al fine di alienare a prezzi di saldo le più appetibili imprese statali. La democrazia e le libertà promesse dall’Occidente, arrivate poi sulle ali dei bombardieri, seminarono morte e portarono decine di migliaia di disoccupati. Agli Iracheni è andata anche peggio in quanto tutte le strutture economiche preesistenti sono state soppresse per crearne altre ad hoc come preteso dai "liberatori" e si sono perdute le tracce di oltre diciotto miliardi di dollari appartenenti al fondo sovrano nazionale. Il Paese continua a vivere il dramma della guerra; tutto è razionato, manca l'acqua e la costante erogazione dell'energia elettrica, soffre il freddo, il caldo e la fame. Vede un mosaico di tribù incapaci di coesistere pacificamente. E’ immerso nell’odio, nelle razzie, nelle violenze gratuite e nelle vendette. In Iraq è stata alimentata la più sanguinosa guerra civile di questo secolo, il numero dei morti causati dall'invasione fortemente voluta da Washington e Londra non è stato mai ufficializzato. Del resto i vertici della spedizione, potendo contare sul rivendicato "destino speciale donato da Dio ai nord-americani", avevano dichiarato che non avrebbero fatto la conta degli uccisi e degli storpiati. Lo stesso aveva ripetuto Donald Rumsfeld: "Non faremo il conteggio dei morti altrui". Secondo un accurato studio svolto dalla Scuola medica Bloomberg della Johns Hopkins University, una delle più prestigiose degli Stati Uniti, la guerra del Golfo, nel periodo che va da marzo 2003 a luglio 2006, ha provocato la morte di 601.027 civili iracheni. Altri studi condotti per estrapolazione, come quello dell'istituto inglese Orb, asseriscono che il numero delle vittime civili supera il milione. Secondo Peace Reporter, dal 2003 fino ad oggi, sono morti oltre dodicimila civili in attacchi kamikaze. In Libia, dopo il passaggio di Jihadisti, Sas inglesi, Navy Seals americani, legionari francesi, tutti i tagliagole disponibili sul mercato e migliaia di bombardamenti dei "paesi amici", con un cumulo di rovine, sarà altrettanto difficile ottenere le stime dei caduti e valutare i danni nel deserto postbellico realizzato in nome della difesa dei diritti umani. Andrà tutto secondo copione. Stridono i nostri "bravi ragazzi", in giro per il mondo, in deroga al dettato costituzionale, negli ultimi mesi anche sui cieli della Libia, in deroga al trattato d'amicizia votato dal Parlamento italiano, che sparano e lanciano bombe credendosi alfieri o sentinelle della democrazia, imbevuti di retorica patriottica contro il terrorismo (quale?) e contro le dittature. Potenziale carne da macello raggirata con richiami a nobili capisaldi, spesso arruolata perché priva di serie alternative occupazionali, vittima di quel modello di sviluppo che schiaccia e sfrutta il genere umano senza più porsi alcun limite. Ovunque si riscontri un processo di deteriore americanizzazione domina l'idea nefasta che alle crisi congiunturali si debba rispondere con i conflitti, la soppressione di identità nazionali, la privatizzazione delle strutture economiche e dei servizi pubblici, il drastico ridimensionamento dei salari e dei diritti del lavoro, la compressione del welfare e l'ulteriore emarginazione dei più deboli. Le crisi vedono dimagrire lo Stato Sociale e vedono ingigantire lo Stato al servizio del Capitale. Mentre i cantori del sistema plaudono alle missioni umanitarie per affrancare i popoli dai tiranni sgraditi all'Impero, nel contempo, dichiarano che la globalizzazione non può essere ostacolata dalle lotte di piazza, dagli scioperi, dagli Stati e dai governi. Quando un politico deve assumersi una responsabilità nei confronti dei cittadini c'è sempre un quid disincarnato che lo sovrasta, che decide e sceglie per lui e che dunque lo assolve da ogni colpa. Quasi mai le giustificazioni addotte sono attendibili, tanto che non tutti i paesi europei sono entrati nel club degli "amici" della Libia. Per quanto riguarda la politica economica nazionale non è del tutto vero che il dominio del sistema finanziario Usa ed i diktat dell'Ue precludano ogni possibilità di manovra. Nessun ente sovranazionale ha imposto all’Italia una torsione autoritaria della società, leggi ad personam, ad castam, ad aziendam, norme inique e criminogene, scelte finanziarie gravanti esclusivamente sui ceti meno abbienti o ha rivestito d'odio compulsivo i colpi di mano contro la Scuola Pubblica, l’Università, i dipendenti statali, i pensionati, i salariati, i disabili e contro chi ha sempre pagato regolarmente le tasse. Certo è l'alta finanza che, con le sue folte schiere di burattini, opportunamente collocati in ombra o alla luce del sole, muove il mondo. Sono le famiglie dei Rothschild, dei Rockefeller, dei Morgan, dei Warburg, dei Lehman Brothers, dei Goldman e di pochissimi altri che hanno soffocato l’american dream, che spadroneggiano in una miriade di esecutivi fuori e dentro l’America. Ma ciò non giustifica il calarsi della politica in qualsiasi forma d’espressione criminale, né la sua aderenza attiva a cosche di ogni tipo. La Fed o la Bce non hanno mai chiesto alla classe dirigente italiana i processi artatamente lunghi e le prescrizioni brevi, l'impenetrabilità dell'illecito finanziario, la comoda legislazione off-shore, la "repressione zero" contro il white collar crime e la razzia pro domo sua dei beni comuni. Per gli orrori della campagna di Libia, per le immani sofferenze inferte ai suoi abitanti, codardi, furbi e bucanieri si possono nascondere dietro il giornalismo omertoso e capillarmente regolato, che deforma o sottace i fatti ed amplifica le istanze umanitarie da cui si vuole che abbiano preso le mosse i "liberatori". Manca invece una copertura mediatica tale da nascondere le fandonie perennemente raccontate dalla politica. Non è appellandosi alla presunta ineluttabilità globalista o al "Ce lo impone l'Ue" che i governanti, di ieri ed ancor di più quelli di oggi, possono declinare le proprie responsabilità nell’aver messo in ginocchio il Paese. Prima di suggerire implicitamente a Gheddafi di riscattare il suo passato lanciandosi, in groppa ad un cammello, a petto scoperto e con la scimitarra in pugno, contro i missili dei droni, sarebbe meglio guardare la montagna d’immondizia che abbiamo in casa.

Antonio Bertinelli 6/9/2011


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iraq bce gheddafi serbia libia fed

permalink | inviato da culex il 6/9/2011 alle 11:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto        ottobre
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv